Battlefield V FIFA 19 Madden NFL 19 The Sims Anthem Pagina principale Electronic Arts Pagina principale Electronic Arts

Abbonati e risparmia

Iscriviti a EA Access Iscriviti a Origin Access

Dall'idea originale alla realizzazione: la creazione di Leo e Vincent

L'autore e regista Josef Fares ci parla dello sviluppo dei personaggi, della coordinazione delle scene d'azione e del mo-cap per A Way Out

L'autore e regista Josef Fares ci parla della creazione dei protagonisti di A Way Out, Leo e Vincent, della sua esperienza personale con il mo-cap, della coordinazione interna delle scene d'azione e dello sviluppo di un videogioco ambientato in una prigione.

Ciao Josef, puoi parlarci del tuo lavoro su A Way Out?

In realtà è molto semplice. Sono l'autore e il regista di A Way Out, un'idea che mi è venuta poco dopo Brothers - A Tale of Two Sons e su cui lavoro ormai da tre anni.

Il gioco è ambientato nei primi anni '70. Questo ha reso più facile la ricerca e lo sviluppo dei personaggi?

L'idea di ambientare il gioco negli anni settanta è dovuta principalmente al fatto che è un'epoca adatta alla storia narrata nel gioco. Inoltre, in quel periodo non c'erano i telefoni cellulari e la tecnologia non era così avanzata come lo è oggigiorno.

Allo stesso tempo, però, era importante non dare al gioco un aspetto troppo da anni '70, poiché avrebbe potuto sviare l'attenzione dal gioco vero e proprio. I giocatori vedono che è ambientato negli anni settanta, ma questo non è così evidente.

Quanto tempo, passione ed energia ha impiegato Hazelight nello sviluppo dei personaggi?

Cosa posso dire... Molta gente sa che vivo, respiro e mangio A Way Out. Tengo tantissimo a questo progetto e ci credo perché sento che stiamo realizzando qualcosa di molto speciale con questo gioco. Ci vuole un sacco di lavoro, non solo per la creazione dei personaggi, ma anche per lo sviluppo del gioco vero e proprio.

Non posso lavorare su un progetto se non mi appassiona abbastanza.

Sviluppare un gioco ambientato in una prigione è più divertente di altri generi, come quello fantascientifico?

Credo che i giocatori vogliano sentirsi liberi e avere la possibilità di fare ciò che vogliono. Essere rinchiusi in una prigione toglie un po' di quella libertà. Ti fa sentire chiuso e limitato da un ambiente pericoloso, ma anche emozionante.

Per quanto riguarda la fantascienza, credo che offra la possibilità di scatenarsi con le idee senza essere messi troppo in dubbio dai giocatori, visto che di solito i giochi di quel genere sono ambientati nel futuro.

Personalmente ritengo che non sia importante di quale genere sia un gioco, purché ti appassioni. Per quanto mi riguarda, non posso lavorare su un progetto se non mi appassiona abbastanza.

Quante rielaborazioni hanno subito Leo e Vincent?

L'idea iniziale riguardante Leo e Vincent è stata modificata varie volte, ha subito molte rielaborazioni e ci ha spinto a cercare diverse fonti di ispirazione.

Guardando a com'erano i personaggi all'inizio e a come sono ora, devo ammettere che sono cambiati molto. Abbiamo fatto molti esperimenti con i tagli dei capelli, abbiamo aggiunto e tolto le barbe e abbiamo apportato una lunga serie di modifiche al loro aspetto.

Nel caso di Leo, dopo quasi un anno di sviluppo, abbiamo deciso di basare il suo volto su quello di mio fratello, l'attore Fares Fares. Quello che mi piace della faccia di mio fratello è che è molto cinematografica, ha delle caratteristiche che colpiscono. È per questo che abbiamo scelto lui.

Dal punto di vista tecnico, si è trattato di scegliere il tipo giusto di animazioni da usare, come si sarebbero dovuti esprimere i personaggi e i loro modi personali di muoversi, per esempio la camminata.

Come hai creato il contrasto tra Leo e Vincent?

Beh, Leo e Vincent hanno delle personalità molto diverse. In certe situazioni reagiscono ciascuno a modo suo, interagiscono col mondo che li circonda in modo differente e si indignano di fronte a cose diverse.

Leo è un tipo molto diretto, ha un caratteraccio, mentre Vincent è più calmo, freddo e rilassato, e ci pensa sempre due volte prima di fare qualcosa.

Anche l'abbigliamento ci ha dato modo di scegliere come esprimere le loro personalità, sebbene la prigione abbia limitato questo aspetto, visto che lì sono costretti a usare delle divise.

In che modo fare da soli le riprese in mo-cap e le acrobazie vi ha aiutato nella produzione?

In realtà ci ha aiutato molto: impersonando i personaggi, abbiamo potuto farli esattamente come li volevamo. Io ho fatto tutto il motion capture per Leo, mentre il nostro responsabile di studio, Oskar Wolontis, si è occupato di Vincent.

Non solo abbiamo fatto tutto il mo-cap, ma abbiamo anche fatto tutte le acrobazie presenti nel gioco. Non avevamo un attore per le acrobazie, perciò abbiamo fatto noi tutti i salti, i combattimenti e tutto ciò che i giocatori vedranno nel gioco. È stata dura, ma siamo sempre andati avanti, anche se ci siamo fatti male alcune volte.

Se credi in qualcosa che ti appassiona, sei pronto a fare qualsiasi cosa. Persino se si tratta di lunghe sessioni di Cammina e Corri per la Motion Batch, durante le quali abbiamo registrato tutte le animazioni e i movimenti possibili: dallo strisciare allo stare accovacciati, dagli scatti alle corse... Ci abbiamo messo quasi venti ore.

Non so per quante ore ho indossato quella tuta da mo-cap, ma è stato un sacco di tempo. Ormai credo di essere un esperto del settore. Ci siamo occupati persino di alcune acrobazie pazzesche, di quelle che non dovrebbero essere eseguite da non professionisti, te lo garantisco!

Com'è stato vedere le reazioni dei giocatori quando hanno visto Leo, Vincent e il gioco durante l'E3 2017?

È stato davvero fantastico. Erano tutti entusiasti, ma non mi aspettavo le reazioni e il livello di attenzione che abbiamo ricevuto. È stato davvero eccezionale! Quando lavori così duramente su qualcosa e, alla fine, vedi la gente entusiasta, è una sensazione stupenda.

Che tipo di connessione sperate che i giocatori creino con Leo e Vincent?

Ah ah ah! Se vuoi mettere alla prova il tuo rapporto con qualcuno, allora dovresti giocare ad A Way Out!

Chi vincerebbe in una rissa tra Leo e Vincent?

In realtà non saprei... Cioè, Leo sa combattere, ma anche Vincent è un tipo tosto... Credo che sarebbe un combattimento alla pari.

 

Partecipa alla conversazione su tutto quel che riguarda EA: leggi il nostro blog, seguici su Twitter e metti "Mi piace" alla nostra pagina di Facebook.

Notizie relazionate

Battlefield V: alimentare l'enigma

Electronic Arts Inc.
14-dic-2018
Scopri come JackFrags ha ispirato un'elaborata caccia agli Easter egg in Battlefield

Irradiant Cosplay: Project Anthem

Electronic Arts Inc.
7-dic-2018
Scopri come il trailer del gameplay di Anthem ha ispirato una coppia a ricreare lo strale Guardiano

Un messaggio di Mark Darrah e Matthew Goldman - Il Dread Wolf è tornato

Electronic Arts Inc.
7-dic-2018
Stiamo lavorando a un nuovo gioco di Dragon Age da un po' di tempo e sono davvero felice di poter finalmente svelare l'esistenza di questo progetto!
Giochi Libreria dei giochi Notizie Test di gioco Studi Aggiornamenti Origin Access facebook twitter youtube instagram twitch Sfoglia giochi Ultime notizie Centro di assistenza Forum EA Info Lavora con noi United States United Kingdom Australia France Deutschland Italia 日本 Polska Brasil Россия España Ceska Republika Canada (En) Canada (Fr) Danmark Suomi Mexico Nederland Norge Sverige 中国 대한민국 Legale Aggiornamenti sui servizi online Accordo con l'utente Politica sulla privacy e sui cookie (i tuoi diritti di privacy)