La parola a loro - Eleanor Meltzer

La risk manager di EA Customer Experience, parla del suo lavoro: creare un ambiente sicuro per i giocatori.

A Electronic Arts, tutto quello che facciamo è pensato per invogliare tutto il mondo giocare. Circa 8800 impiegati portano avanti lo spirito del gioco ogni giorno in EA, condividendo scopi e convinzioni: creatività, pionierismo, passione, determinazione, studio e lavoro di squadra, per regalare esperienze intense e coinvolgenti a milioni di giocatori di tutto il mondo. Per festeggiare gli impiegati che incarnano questi valori sul posto di lavoro, EA ha lanciato di recente i suoi primi Purpose & Beliefs Award.

Ecco Eleanor Meltzer, risk manager di EA Customer Experience, vincitrice del premio "Inspire the World to Play" (Ispirare il mondo a giocare) per l'ottimo lavoro svolto nel proteggere l'azienda e nel creare un ambiente sicuro per i giocatori. 

 

Qual è il tuo ruolo a EA?

Faccio parte di un team che si occupa di creare un ambiente sicuro per i giocatori e per i dipendenti proteggendoli da frodi di ingegneria sociale. L'ingegneria sociale può assumere diverse forme che danneggiano l'esperienza di gioco permettendo il furto di contenuti o dando nel gioco un vantaggio sleale al truffatore. La parte che più mi affascina del mio lavoro è individuare le aree di vulnerabilità e scegliere, insieme ad altri team di EA, la linea d'azione migliore per tenere al sicuro i nostri giocatori e per mantenere vivo il loro interesse!

Eleanor sale sul palco per ricevere il premio "Inspire the World to Play"

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?

Mi dà l'opportunità di riflettere ogni giorno sulle sfide della gestione dei rischi a livello globale. EA è una community globale con milioni di giocatori sparsi in tutto il mondo. Ho una laurea breve in relazioni internazionali e scienze politiche, ho partecipato a trattative di libero scambio come esperta in marchi: lavorare quotidianamente su percezioni culturali, sfide di localizzazione e domande dei giocatori è davvero stimolante.

Abbiamo una vastissima community di giocatori ed è fantastico avere la possibilità ogni giorno di imparare qualcosa di nuovo!  

Qual è il tuo gioco preferito di sempre?

Adoro la serie di Mass Effect. Mass Effect offre un enorme scenario da esplorare e vivere liberamente. Sia che ti piaccia giocare da solo o in multigiocatore, il gioco si presta perfettamente a entrambe le modalità, è questo che mi piace.

Ci gioco con mio marito, anche se lui gioca al livello di difficoltà "Folle" e io a quello "Narrativo." È bello poter giocare insieme a prescindere dalle proprie abilità.

Quali sono i primi ricordi che hai dei videogiochi?

Prima di entrare a EA, avevo sì qualche esperienza con i videogiochi, ma non da giocatore vero e proprio. Sono cresciuta senza televisione o console: unirmi all'azienda è stata, per me, l'opportunità di conoscere il mondo dei videogiochi e un nuovo modo di mettere in pratica le mie competenze di gestione dei rischi. 

Secondo te cosa significa ispirare il mondo a giocare?

Io metto in pratica il motto di EA creando un ambiente sicuro per i nostri giocatori e dando agli addetti del servizio clienti tutti gli strumenti e le risorse necessarie per fornire il miglior servizio possibile. Non siamo agenti delle forze dell'ordine. Il nostro ruolo è quello di controllare la situazione e trovare i sistemi migliori per proteggere i nostri giocatori e i nostri dipendenti dalle frodi. Così facendo, stimoliamo i nostri giocatori in un modo divertente e coinvolgente, stabilendo un forte legame basato sulla fiducia.

Com'è stato vincere il premio Inspire the World to Play?

È stato fantastico essere premiati nella nostra Global Town Hall e partecipare a un banchetto con i dirigenti di EA, è stata un'esperienza speciale per noi. Il fatto che EA mi abbia permesso di fare una cospicua donazione a un'organizzazione non-profit di mia scelta è stato uno dei migliori riconoscimenti che io abbia mai ricevuto. Come organizzazione non-profit, ho scelto la Volunteer Legal Services of Central Texas, un'organizzazione che fornisce assistenza legale pro-bono a chi altrimenti non potrebbe sostenere le spese legali.

Inoltre, uno degli allenatori di FIFA 18 avrà le mie sembianze! Mi sembra una cosa spassosissima! Sicuramente ne acquisterò una copia e dirò anche ai miei amici di giocarci.

Tutti hanno l'opportunità di fare la differenza già dal primo giorno, non devi essere affermato per essere considerato parte della famiglia di EA.

Che cosa significa per te questo riconoscimento?

Ho iniziato a lavorare per EA a febbraio 2016, il fatto che i miei colleghi abbiano scelto qualcuno assunto da poco dimostra che, per EA, tutti sono membri fondamentali della squadra, a prescindere dal tempo passato all'interno dell'azienda. Tutti hanno l'opportunità di fare la differenza già dal primo giorno, non devi essere affermato per essere considerato parte della famiglia di EA. Il risultato è che, come azienda, avanziamo più velocemente perché tutti si sentono capaci di fare la differenza per i nostri giocatori.

 


Ti incuriosisce l'idea di lavorare nel mondo dei videogiochi? Visita la nostra pagina Lavora con noi.

Partecipa alle discussioni su tutto ciò che riguarda EA: leggi il nostro blog, seguici su Twitter e metti "Mi piace" alla nostra pagina di Facebook.

NOTIZIE RELAZIONATE

La parola a loro: Florian Le Bihan, competitive designer per Battlefield 1

Electronic Arts Inc.
12-dic-2017

La parola a loro: Lacy Rohre

Electronic Arts Inc.
18-ago-2017
Conosciamo Lacy Rohre, senior manager di contenuti e comunicazioni per l'Aiuto EA

La parola a loro: Christoffer Pettersson, secondo ingegnere di software gra…

Electronic Arts Inc.
9-mag-2017
Intervista con Christoffer Pettersson di EA Tiburon, secondo ingegnere di software grafici per EA SPORTS Madden NFL.